HOME STORIA PROGRAMMA REPERTORIO CHI SIAMO NEWS CONTATTI FOTO





I PELEGRINI DE MAROSTEGA

Mòmolo Bondiola, ritornato da un pellegrinaggio a Roma, si reca con la moglie Felicita nella casa della figlia Zanze moglie di Alfredo. Qui si delineano i caratteri dei personaggi: Momolo e Felicita cattolicissimi, e Alfredo avvocato illuminato (framassone) e liberale. Inoltre, si rivela la disavventura romana del gruppo di pellegrini che, scambiati per francesi, all’epoca nemici del popolo romano perché sostenitori del papato, subiscono sia le botte che l’onta del bagno nelle fontane di Piazza Navona.
Il tutto documentato da un libro che Mòmolo ha scritto rimanendo a Roma tre mesi, dopo aver rispedito a Marostica i compagni di pellegrinaggio, compresa la moglie.
Alfredo viene visto dalla moglie e dalla suocera in compagnia di una “signorina” e subito si pensa all’adulterio. La voce si sparge nel paese e il fatto viene ingigantito al punto tale da diventare irreale.
Ma chi è veramente e cosa vuole questa “signorina”?

La commedia è ambientata a Marostica alla fine dell'ottocento e ironizza bonariamente sulla religione praticata, all’epoca, in modo bigotto e superstizioso in certi ambienti familiari di provincia.


fondale di scena di Enzo Casarella
(scenografia originale di Enzo Casarella)




Compagnia Teatrale Montebello
Parrocchia Santa Maria Madre della Chiesa - Bresseo Treponti - Teolo (PD)

email: fidepirolo@libero.it - tel. 348 5544744
(by  RobyCatt)